Chiusura Iper, al suo posto Conad. Di Nardo: "Garantire stesso livello di occupazione". Il consigliere di minoranza: "Amministrazione si attivi e riferisca in Consiglio comunale"

24/07/2018

È notizia di queste ore la cessazione dell’attività di Iper che, oltre ad Ortona, chiuderà le altre sedi abruzzesi di Città Sant’Angelo e Colonnella, in provincia di Teramo. Iper cederà in affitto il ramo d’azienda al Conad. Il consigliere Di Nardo, esponente della destra ortonese, si dice "preoccupato" e lancia un'appello all'amministrazione comunale: "puntiamo sul commercio locale, basta cattedrali commerciali nel deserto"

Nota - Il presente comunicato stampa è pubblicato integralmente ed ha valore di contributo esterno. Il contenuto non è quindi di produzione della redazione di 66026ilBlog

 

 

ORTONA, 24 luglio 2018 – "Esprimo grande preoccupazione per le notizie circolate nelle ultime ore sugli organi di informazione, in merito alla possibile chiusura di tre ipermercati abruzzesi appartenenti al gruppo Iper, tra i quali quello di Ortona. Chiedo all'amministrazione comunale di attivarsi immediatamente, nel tentativo di scongiurare l'operazione e in subordine per garantire la salvaguardia dei livelli occupazionali, eventualmente anche attraverso la ricollocazione dei lavoratori negli esercizi gestiti dalle imprese subentranti". Così Angelo Di Nardo, capogruppo di Fratelli d'Italia, Lega e Libertà e Bene Comune al Consiglio comunale di Ortona, dopo la notizia, diffusa in una nota dalla Federazione Italiana Lavoratori Commercio Alberghi Mense e Servizi, secondo la quale il gruppo Iper avrebbe deciso di lasciare l'Abruzzo, cedendo i punti vendita a Conad Adriatico, in affitto di ramo d’azienda, dandone anche comunicazione all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

 

"Invito il sindaco Leo Castiglione ad assumere al più presto dettagliate informazioni - prosegue Di Nardo - e a riferire sull'argomento già nel corso del prossimo Consiglio Comunale in calendario per il 31 luglio".

 

L'esponente del centrodestra ortonese chiede garanzie per i circa 600 dipendenti del gruppo Iper in Abruzzo. "Considerando che il gruppo Conad, che sembrerebbe interessato a subentrare, non ha più gestioni dirette sul nostro territorio, ma affida la conduzione dei punti vendita ad altre imprese - prosegue Di Nardo - sarebbe fondamentale, qualora l'operazione andasse in porto, verificare l'affidabilità delle imprese subentranti e assicurare le stesse condizioni di lavoro ai dipendenti".

 

Il capogruppo di opposizione, inoltre, mette in rilievo che, "se le notizie trovassero conferma, sarebbe l'ennesima dimostrazione del fallimento delle scelte strategiche compiute negli ultimi 20 anni in Abruzzo, finalizzate ad attrarre nella nostra regione quei grandi gruppi multinazionali, con le loro cattedrali del commercio, che non generano ricchezza nel territorio e tendono ad uccidere le attività locali".

 

Secondo Di Nardo, invece, "occorre invertire la marcia e puntare proprio sulle realtà del commercio locale, vero motore di sviluppo dell'economia regionale, oltre che garanzia di qualità per i consumatori abruzzesi".

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Commenti

Ultime dal blog

Cimitero di Ortona: lo sdegno di un turista, non basta la manutenzione fatta

05/11/2019

Cos'è successo durante il Consiglio comunale del 13 luglio

16/07/2019

Affidata la manutenzione della riserva di Punta dell’Acquabella all'associazione "Agape Cristiana"

16/07/2019

1/2
Please reload

  • Grey Facebook Icon
  • Twitter
  • Instagram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001
© Copyright 2018 66026ilblog · Tutti i diritti sono riservati ·