Prg, parte la fase delle osservazioni. La parola ai cittadini per 45 giorni

01/11/2018

Pubblicato in data 31 ottobre il Piano regolatore adottato nel Consiglio comunale del 20/10. A questo punto, chiunque può presentare osservazioni al Prg che, se accolte, andranno ad integrarlo in fase di approvazione finale. In questo articolo trovate tutti i link di riferimento e tutto ciò che c'è da sapere, ad oggi, sul Prg

 

ORTONA, 31 ottobre 2018 — Mentre l'amministrazione sta girando il territorio ortonese per incontrare la cittadinanza, sul sito del Comune di Ortona è stata pubblicata tutta la documentazione necessaria alla fase delle osservazioni.

 

Ma andiamo per ordine.

 

Per 45 giorni la parola passa ai cittadini: la fase delle osservazioni. Chiunque, dal momento della pubblicazione del Prg adottato, ha per 45 giorni la possibilità di presentare proprie osservazioni rispetto allo stesso piano. Queste osservazioni, poi, dovranno essere “controdedotte” (cioè esaminate e votate dal Consiglio comunale), una per una. Se una osservazione viene approvata dal Consiglio, questa va ad integrare il piano stesso, che viene successivamente approvato in via definitiva. La pubblicazione è avvenuta mercoledì 31 ottobre; quindi la fase delle osservazioni terminerà il 15 dicembre, cioè dopo 45 giorni, come fanno sapere gli stessi uffici comunali in un avviso pubblico.

3 cose pratiche da sapere sulle osservazioni (1/11 — 15/12):

 

1) Il piano regolatore adotatto è stato pubblicato sul sito del Comune di Ortona, insieme ai relativi eleborati (tavole di analisi e di progetto, più analisi geologica) e a tutti i documenti che riguardano la Vas (valutazione ambientale strategica). Naturalmente, è stata pubblicata anche la delibera con cui il 20 ottobre scorso è stato adottato il Prg.

 

2) Il Prg sarà consultabile anche fisicamente, sempre per 45 giorni, presso la Segreteria Comunale.

 

3) Entro le ore 24 del prossimo 15 dicembre è possibile depositare osservazioni presso l'Ufficio protocollo attarverso l'apposita modulistica, messa a disposizione sempre sil sito istituzionale del Comune.

 

Nelle foto: alcuni degli incontri dell'amministrazione con la cittadinanza

 

Ma che genere di osservazioni potranno essere accolte? Ci risponde l'amministrazione, in questi giorni impegnata in un 'tour' del territorio ortonese per confrontarsi con la cittadinanza. “In questi giorni stiamo dicendo agli ortonesi, concretamente e in tutta onestà, quello si può davvero fare – dice Leo Castiglione –. Si possono presentate osservazioni sia in aumento che in regresso, compatibilmente con le norme urbanistiche e il Prg adottato. Non potremo rendere edificabile qualsiasi cosa!”. E su questo entra nel dettaglio l’assessore all’Urbanistica Gianni Totaro: “chi ha un terreno agricolo vicino ad un’area edificabile ha più possibilità di chiedere il cambio di destinazione attraverso un’osservazione e viceversa vale per le retrocessioni. Ciò è d’obbligo – spiega l’assessore – perché, oltre al limite dei 33.900 abitanti, dobbiamo garantire omogeneità del piano. In ogni caso – aggiunge Totaro – ci tengo a sottolineare che i cittadini potranno fare anche osservazioni su aspetti generali del piano, al di là dell’edificabilità o meno delle varie aree. Infine — conclude l’assessore — a chi si dice intenzionato a depositare osservazioni  stiamo consigliando di avvalersi di professionisti”.

 

Il limite dei 33.900 abitanti. Ricordiamo che il Prg adottato prevede, al momento, un massimo di abitanti insediabili pari a 32.000. Con le osservazioni, questo numero potrà – teoricamente – diminuire oppure aumentare di 1.900 abitanti, ovvero di ciò che manca per raggiungere quota 33.900, il massimo consentito dalle norme urbanistiche per quanto riguarda Ortona.

 

La "maxi-osservazione". Infine, c’è da considerare la volontà dell’amministrazione – più volte dichiarata – di presentare delle proprie osservazioni. “Nella nostra ‘maxi-osservazione’ – fa sapere il primo cittadino Leo Castiglione – predisporremo zone di verde pubblico ed altre dove potranno inserirsi strutture turistiche ricettive”. “La settimana prossima ci incontreremo con i progettisti del piano per iniziare a lavorare a questa nostra osservazione”, dichiara invece in tal proposito l'assessore all'Urbanistica Gianni Totaro.

 

E dopo le osservazioni? L'iter è quello che riportiamo sopra nell'infografica. Ma i tempi spesso e volentieri dipendono dalla politica piuttosto che dalle norme. “Vogliamo approvare il Prg entro il 2019 – dichiara il primo cittadino Leo Castiglione – per poi inserire delle varianti puntuali che rispecchieranno la nostra idea di sviluppo della Città, a seconda delle varie zone”.

 

Sul Prg ti consigliamo di leggere anche:

Intervista a Gianni Totaro: "Nostra osservazione d'ufficio darà darà indirizzo strategico-amministrativo al Prg" (17/10/2018)

AbruzzoLab, sede aperta per consultare il Prg (18/10/2018)

Prg adottato dal Consiglio comunale. Ed ora? (22/10/2018)

Prg & osservazioni, l’amministrazione gira quartieri e contrade per confrontarsi con la popolazione ortonese (30/10/2018)

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Commenti

Ultime dal blog

Cimitero di Ortona: lo sdegno di un turista, non basta la manutenzione fatta

05/11/2019

Cos'è successo durante il Consiglio comunale del 13 luglio

16/07/2019

Affidata la manutenzione della riserva di Punta dell’Acquabella all'associazione "Agape Cristiana"

16/07/2019

1/2
Please reload

  • Grey Facebook Icon
  • Twitter
  • Instagram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001
© Copyright 2018 66026ilblog · Tutti i diritti sono riservati ·