Simonetta Schiazza sull'apertura del supermercato Todis: "Il Sindaco, con delega al commercio, dica la verità"

30/11/2018

"È sconcertante leggere le dichiarazioni rese dal sindaco Castiglione nel vano tentativo di addossare ad altri la chiara e determinata volontà della sua maggioranza di favorire l’apertura di un altro discount ad Ortona". Così Simonetta Schiazza dichiara in merito all'apertura del supermercato Todis presso Via Massari.

Nel ribadire la propria contrarietà sin da quando era assessore al commercio, l’attuale consigliere Simonetta Schiazza smentisce categoricamente quanto affermato da Castiglione. "La precedente amministrazione infatti — commenta la Schiazza — aveva vincolato il rilascio della convenzione alla eventuale variazione del Piano paesistico regionale da parte del Consiglio regionale che si era già espresso in maniera negativa sulla nostra delibera di giunta del 2016 dove risulta il mio voto contrario".

 

"Per l’area infatti - prosegue il consigliere di minoranza - che doveva essere sottoposta a destinazione da agricolo a commerciale non si ravvedeva, secondo la Regione Abruzzo, l’interesse pubblico. Questo significa che durante il mandato di d’Ottavio nulla era stato fatto, nemmeno la variazione urbanistica".

 

Alcune immagini del supermercato Todis alcuni giorni prima dell'apertura, avvenuta il 29 novembre

 

"È stato proprio Castiglione, in pieno accordo con la ditta Dima srl, a cambiare la precedente nostra convenzione, con una nuova che prevedendo lo stralcio dell’area sottoposta a parere della regione Abruzzo (negativo) ha barattato l’apertura con i famosi € 150.000,00 e spalancando di fatto le porte al nuovo discount. Ricordo molto bene il pronunciamento dell’ufficio tecnico per voce del Dott. Silvestri – continua la Schiazza –, che su mia precisa domanda, nel Consiglio comunale di marzo 2018, dichiarò che con la nostra proposta di convenzione non era stata fatta nessuna pratica in assenza del pronunciamento del Consiglio regionale".

 

"Il sindaco Castiglione quindi mente sapendo di mentire e cerca di “rabbonire” i cittadini giustificando l’operazione con la volontà di riqualificare il cinema Zambra ed addirittura esulta per aver evitato un contenzioso legale che invece non avremmo avuto se avesse lasciato alla Regione Abruzzo la decisione finale. La cosa ancor più grave è che nel 2016 manifestò a gran voce il suo parere contrario. Ora, una volta preso (ahimè) il ruolo di Sindaco e Assessore al commercio non ci ha ripensato due volte a danneggiare i commercianti ortonesi pur di fare cassa.

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Effetto_Masaggio_SCRITTA_VETRINA_STUDIO_

Commenti

Ultime dal blog

"Daremo la giusta ricompensa a Caldari per lo sforzo compiuto a beneficio di tutta la Città. Prossime elezioni? Al momento punterei ancora sul ci...

07/08/2020

Polidori: "Ortona è bloccata. Solo noi sulla costa non cresciamo"

02/08/2020

Schiazza: "Castiglione-bis da evitare nel 2022. Sulla gestione dei fondi del Teatro serve chiarezza."

24/07/2020

1/2
Please reload

Per info su banner pubblicitari contatta 66026@gmail.com

  • Grey Facebook Icon
  • Twitter
  • Instagram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001
66026ilblog è ideato e realizzato da