15 comuni abruzzesi finanziati dalla prima tornata del bando europeo WiFi4EU. Ortona dovrà aspettare

11/12/2018

La Commissione europea ha comunicato i risultati del primo invito a presentare candidature per l'iniziativa WiFi4EU, che ha avuto luogo tra il 7 novembre e il 9 novembre. I comuni vincitori potranno beneficiare del voucher di 15mila euro per garantire la connessione gratuita nelle piazze, biblioteche, musei, ospedali, parchi e altri luoghi di interesse pubblico

Sono 224 i Comuni italiani vincitori del primo bando europeo che permetterà di installare gratuitamente la rete Wi-Fi negli spazi pubblici. Ne avevamo già parlato per quanto riguardava la città di Ortona in un nostro articolo il 22 marzo 2018, e proprio in quei giorni il Comune aveva aderito al bando. 

 

La prima 'call', ovvero la finestra temporale per poter presentare la propria candidatura ufficialmente, era slittata da maggio a novembre per problemi tecnici, ma aveva comunque salvaguardato tutti quei comuni che avevano già effettuato la propria registrazione, dal 20 marzo in poi, per poter aderire al bando. Nel corso dei giorni 7-8-9 novembre 2018 quindi, tutti quei comuni che si erano registrati da marzo hanno avuto possibilità di presentare ufficialmente la propria candidatura e ottenere il finanziamento.

 

A inviare la propria candidatura alla Commissione europea per 'WiFi4EU' erano stati ben 3.202 municipi italiani, un record fra i Paesi Ue. Sulla base del principio “primo arrivato, primo servito”, a spuntarla sono stati paesini piccolissimi come i piemontesi Pietraporzio e Bergolo, rispettivamente 74 abitanti e 68 abitanti, ma anche capoluoghi di provincia. Ogni regione d’Italia ha avuto almeno un comune vincitore, ma quella con il maggior numero è la Lombardia con 40. A completare il podio delle regioni con le amministrazioni più “reattive” ci sono la Campania (30), dove il wifi gratuito sarà installato anche nel comune di Ischia, colpita da un terremoto lo scorso anno; e il Piemonte (27), dove a beneficiare dei fondi Ue saranno soprattutto piccoli municipi con meno di mille abitanti. Seguono nella classifica Veneto (15), Abruzzo (15), Sicilia (14), Puglia (12) ed Emilia-Romagna (11). In tutta Europa sono stati 2.800 i municipi vincitori, per un totale di 42 milioni di euro, a fronte di 13.198 candidature ricevute, il 24% delle quali dall’Italia, che ha ricevuto il numero massimo di voucher disponibili per un singolo Paese.

 

Fra i comuni abruzzesi risultati vincitori ci sono, per la provincia di Chieti, i comuni di Arielli, Fraine, Liscia, Montebello sul Sangro, Rapino e San Martino sulla Marruccina. Ad ottenere i finanziamenti saranno poi il capoluogo di provincia Teramo insieme Roseto e il capoluogo di Regione L'Aquila, con i Comuni di Campo di Giove, Navelli, Roccacasale, Sulmona e Tornimparte. Soltanto un comune, Popoli, per quanto riguarda invece la provincia di Pescara.


📎L'elenco dei comuni italiani che otterranno i finanziamenti è consultabile in pdf o direttamente sul sito della Commissione europea. 

Qui invece l'elenco completo con tutti i comuni europei finanziati.

 

➡Prossime tappe

 

Dopo l'annuncio, l'Agenzia esecutiva per l'innovazione e le reti, agenzia esecutiva della Commissione responsabile dell'attuazione del programma 'WiFi4EU', inviterà i comuni vincitori dei buoni a firmare le convenzioni di sovvenzione. Appena completata questa fase, i comuni selezionati potranno concludere un contratto con una società specializzata in impianti che installerà gli hotspot WiFi in spazi pubblici e successivamente potranno riscattare il buono. Tutti i 2800 hotspot WiFi4EU saranno gratuiti e operativi per almeno tre anni.

 

Le reti finanziate mediante WiFi4EU saranno gratuite, senza pubblicità e non raccoglieranno dati personali. Beneficeranno del finanziamento le reti che non costituiscono una duplicazione di servizi gratuiti, privati o pubblici, di qualità analoga già esistenti. I comuni concluderanno i contratti con le società specializzate in impianti WiFi e saranno responsabili dell'installazione e della manutenzione degli hotspot Wi-Fi.

 

Saranno pubblicati altri tre inviti che offriranno l'opportunità ai comuni che in questa occasione non hanno ottenuto il buono di presentare la propria candidatura. Il secondo invito, o 'call', sarà pubblicato all'inizio del 2019. In totale circa 8.000 comuni, fra cui Ortona, potranno beneficiare dell'iniziativa entro il 2020.

 

Nel frattempo, tutti i comuni registrati, quindi anche Ortona, possono aderire alla WiFi4EU Community per fornire un riscontro sull'iniziativa, entrare in contatto con comuni di tutta Europa e ricevere aggiornamenti sul programma WiFi4E

Contesto

 

L'iniziativa WiFi4EU, annunciata dal Presidente Juncker nel discorso sullo stato dell'Unione del settembre 2016, rientra nell'ambiziosa revisione delle norme UE in materia di telecomunicazioni, che comprende nuove misure volte a rispondere alle crescenti esigenze di connettività dei cittadini europei e a rafforzare la competitività dell'Europa.

 

Il primo invito a presentare candidature per l'iniziativa WiFi4EU è stato pubblicato alle 13:00 (CET) del 7 novembre ed è rimasto aperto fino alle 17:00 del 9 novembre (CET). L'invito si è rivelato un successo, con oltre 13 000 candidature da tutti i paesi partecipanti. Nei prossimi due anni saranno organizzati altri tre inviti WiFi4EU. La Commissione stanzierà globalmente per i quattro inviti 120 milioni di euro per un massimo di 8000 comuni in tutta l'UE. Verranno selezionati i comuni in base all'ordine di presentazione delle domande.

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Commenti

Ultime dal blog

Cimitero di Ortona: lo sdegno di un turista, non basta la manutenzione fatta

05/11/2019

Cos'è successo durante il Consiglio comunale del 13 luglio

16/07/2019

Affidata la manutenzione della riserva di Punta dell’Acquabella all'associazione "Agape Cristiana"

16/07/2019

1/2
Please reload

  • Grey Facebook Icon
  • Twitter
  • Instagram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001
© Copyright 2018 66026ilblog · Tutti i diritti sono riservati ·