Cristiana Canosa lascia il Pd: "Delusa dal partito regionale. Mi impegnerò altrove". La lettera aperta

26/02/2019

"Ho atteso lo svolgimento delle elezioni perché non sarebbe stato corretto andare via nel mentre", scrive Cristiana Canosa che dà il suo addio al Pd con una lettera aperta recapitata alla stampa. L'ormai ex dirigente nazionale del Partito Democratico (la Canosa, dal 2017, è eletta nella direzione Pd in quota Michele Emiliano) decide ora di dimettersi dal partito per via della sua esclusione nelle Regionali del 10 febbraio, proprio a causa di quei "veti" che lei stessa aveva denunciato poco dopo la consegna delle liste. "Il circolo di Ortona e tanti militanti, che hanno chiesto rappresentanza all'interno del partito, sono stati sacrificati sull'altare di carrieristi e avventurieri che non hanno nulla a che fare con il Pd", scrive la Canosa, "un partito che a livello regionale non ha più nemmeno l'autonomia di scegliere i propri candidati costretto a subire incursioni di liste cosiddette civiche che ci sono a seconda dei momenti e delle possibilità". LEGGI LA LETTERA INTEGRALE

 

Cristiana Canosa con il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, nel 2017

 

 

Di seguito si riporta integralmente la lettera d'addio al Pd di Cristiana Canosa

 

Una bella avventura piena di passione e di speranze, di vittorie e di sconfitte. Una bella avventura piena di ideali e quelli rimangono per sempre, compagni di viaggio dell'animo. Esco dal Partito Democratico non senza tristezza, una tristezza relativa alla mia delusione per quello che è diventato il Partito Democratico e per ciò che è accaduto in relazione alla composizione delle liste per le ultime elezioni regionali.

Molti di voi sanno che il Pd di Ortona, dopo avermi candidato all'unanimità quale migliore espressione del partito, ha dovuto subire una prepotenza inaudita da alcuni personaggi che hanno adoperato il proprio tempo per porre veti su di me e su altri che avrebbero potuto portare consenso al progetto inclusivo, cosi lo ha definito più volte il candidato presidente.

Mi sono tesserata al Partito Democratico quando Michele Emiliano mi ha spinto a mettermi in gioco in prima persona. Ho vissuto tante esperienze, molte delle quali assai formative e ho imparato che anche le comunità politiche hanno delle regole che vanno rispettate perché tutto abbia senso, perché si venga compresi dai cittadini. Purtroppo si è verificato che il circolo di Ortona e tanti militanti, che hanno chiesto rappresentanza all'interno del partito, sono stati sacrificati sull'altare di carrieristi e avventurieri che non hanno nulla a che fare con il Pd, come ampiamente dimostrato dal loro operato. Penso di poter dire che ho sempre dato tutto quello che potevo con passione e lealtà sostenendo progetti di altri come fossero i miei, ma ora non ci sono più le condizioni né le motivazioni.

Sarebbe davvero difficile parlare ai cittadini, che non hanno compreso fino in fondo cosa sia accaduto davvero, di un progetto a cui non credo più. Il partito del veto ha percepito che avrei avuto consenso e cosi mi è stato impedito di candidarmi e ai cittadini impedito di votarmi. Insomma, un partito regionale che non ha più nemmeno l'autonomia di scegliere i propri candidati costretto a subire incursioni di liste cosiddette civiche che ci sono a seconda dei momenti e delle possibilità. Di strategie, al contrario di altri, non ho mai capito molto e mai avrei pensato di impedire candidature di altri.

Ho atteso lo svolgimento delle elezioni perché non sarebbe stato corretto andare via nel mentre. Da adesso in poi il mio impegno continuerà altrove a favore dei cittadini e di tutti coloro che vorranno lavorare per il bene comune.  Del resto già ho cominciato a farlo dallo scorso anno impegnandomi in varie iniziative svolte a favore della città. A me più che i caminetti sono sempre interessati i risultati e le cose concrete.

 

Cristiana Canosa

21:35 La Canosa risponde così alle prime reazioni giunte dopo la notizia del suo addio al Pd (diversi commenti sui social la indicano come prossima ad entrare nella giunta del sindaco Castiglione): «Ai soliti della politica da bar ribadisco che non è un segreto la mia stima per Castiglione così come la sua stima per me. L’ho votato al ballottaggio, lo sanno tutti, e lo rifarei.»
🔴Lo ha scritto sul suo profilo Facebook, qui 

22:03 Arriva la replica del sindaco di Francavilla Antonio Luciani: «Da membro del Pd non accetto lezioni da chi mette l’”io” dinanzi alla comunità»
🔴La replica in un post sulla sua pagina Facebook, qui 

27/02 13:16 Arriva anche la risposta del Partito Democratico di Ortona: «La decisione di Cristiana Canosa di lasciare il PD ci rammarica. Insieme, abbiamo condiviso un percorso politico e umano che aveva portato ad indicare, in lei, la candidata di tutto il Circolo PD»
🔴Sulla pagina Facebook, qui 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Commenti

Ultime dal blog

Cimitero di Ortona: lo sdegno di un turista, non basta la manutenzione fatta

05/11/2019

Cos'è successo durante il Consiglio comunale del 13 luglio

16/07/2019

Affidata la manutenzione della riserva di Punta dell’Acquabella all'associazione "Agape Cristiana"

16/07/2019

1/2
Please reload

  • Grey Facebook Icon
  • Twitter
  • Instagram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001
© Copyright 2018 66026ilblog · Tutti i diritti sono riservati ·