Cos'è successo durante il Consiglio comunale del 13 luglio

16/07/2019

L'ultimo Consiglio comunale di Ortona si è tenuto lo scorso sabato, 13 luglio, alle ore 8:30. Due i punti all'ordine del giorno: l'approvazione del rendiconto finanziario del 2018 e la sostituzione del consigliere dimissionario Fabrizio Leonzio.

"Una spalla importante in questi due anni di attività politica”. Questo il saluto del presidente del Consiglio comunale Simona Rabottini all'ormai ex consigliere, nonché ex vicepresidente, Fabrizio Leonzio. Per Luigi Polidoro la maggioranza perde “un consigliere attivo, davvero vicino al territorio, che ha lasciato un segno importante col suo operato in questi due anni di amministrazione”. A seguito delle pesanti polemiche sulle concessioni balneari, Leonzio si è dimesso lo scorso 5 luglio e al suo posto la Rabottini ha dichiarato eletta Valentina Ciampichetti (prima dei non eletti della lista “Cittadini consapevoli”), già assessore di Castiglione (delega alla Cultura), dimessasi però dopo più di un anno di vita dell’amministrazione.“ 

SURROGA DI LEONZIO: IL RITORNO CON DIMISSIONI DELLA CIAMPICHETTI. SI “SCALDA” PICCININI. Come era prevedibile, la Ciampichetti ha da subito fatto sapere all’Aula di non voler ricoprire la carica di consigliere, annunciato contestualmente le proprie dimissioni. Al prossimo consiglio, quindi, ci sarà una nuova surroga, che vedrà Claudio Piccinini subentrare a Valentina Ciampichetti.


CONTINUA LO SCIOPERO DELLA PAROLA DELLA MINORANZA. “Il Sindaco ha deciso di continuare sulla strada della modifica del consiglio comunale senza ascoltare i suggerimenti della minoranza, dunque il nostro sciopero della parola continuerà”. Così Laura Iubatti (Pd) annuncia a nome di tutta la minoranza il proseguimento dello sciopero, “in modo che la cittadinanza sappia il perché lo facciamo” – ha proseguito  lubatti – “senza smettere di lavorare nelle commissioni e nel quotidiano”.
IL COMUNICATO INTEGRALE


IL PUNTO ALL'ORDINE DEL GIORNO: APPROVAZIONE DEL RENDICONTO DI GESTIONE 2018.
Approvato con i voti della maggioranza il documento contabile che fotografa i risultati della gestione annuale del Comune di Ortona.

 

Soddisfatto l’assessore Falcone: “Erano anni che bilancio si chiudeva sempre con un’anticipazione di cassa e quest’anno si chiude con un avanzo di cassa”. Critico il consigliere di opposizione Emore Cauti che in una nota ha accusato l’amministrazione di non avere avuto coraggio e lungimiranza. “Con questo bilancio – afferma Cauti – loro mostrano di sentirsi appagati, di fermarsi all’autocelebrazione, rinunciando a guardare negli occhi i veri problemi della Città e il suo futuro. Analizzando il documento contabile – puntualizza poi il consigliere – nulla di significativo emerge per quanto concerne il lavoro, le politiche giovanili, il commercio, l’industria, il turismo e l’agricoltura”. Inoltre Cauti mette in guardia sui conti: “Qualcuno vede un segno (+), mentre purtroppo, il risultato d’esercizio evidenzia un rosso (-) per 4,5 milioni di euro”. Il riferimento è al differenziale dei crediti difficilmente esigibili dal Comune, che sono comunque stati messi a bilancio (cosa che sarà possibile sino al 2021 quando subentrerà una nuova normativa).


Dice la sua sullo stato di salute casse comunali anche l’ex assessore al Bilancio dell’amministrazione d’Ottavio, Gianluca Coletti.  “Per fortuna dei cittadini ortonesi il Comune di Ortona già a giugno 2017 aveva un bilancio risanato, in linea con i parametri della normativa statale – ha dichiarato Coletti. 

IL COMUNICATO INTEGRALE


Montebruno sul bilancio: “Grazie a questa amministrazione il Comune potrà mettere soldi per il territorio”. È intervenuto durante il Consiglio il consigliere di maggioranza Saul Montebruno che ha esultato per l’“azzeramento totale delle anticipazioni di cassa, che generavano ulteriori esborsi in interessi passivi, allineandoci così con le prescrizioni della Corte dei Conti e generando un saldo positivo di 1,3 milioni, quando pochi anni fa avevamo un passivo di 5 milioni. Grazie a questa amministrazione – ha concluso Montebruno – da oggi in poi il Comune potrà avere più libertà per intervenire, mettendo soldi sul territorio invece di spenderli in interessi per le banche”.

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Commenti

Ultime dal blog

Cimitero di Ortona: lo sdegno di un turista, non basta la manutenzione fatta

05/11/2019

Cos'è successo durante il Consiglio comunale del 13 luglio

16/07/2019

Affidata la manutenzione della riserva di Punta dell’Acquabella all'associazione "Agape Cristiana"

16/07/2019

1/2
Please reload

  • Grey Facebook Icon
  • Twitter
  • Instagram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001
© Copyright 2018 66026ilblog · Tutti i diritti sono riservati ·